Intervista a VINCENZO PROFETA

INTERVISTA VINCENZO PROFETA
Vincenzo Profeta è un pandemonio letterario, capace di fondere arte, visione, divinazione, scrittura, flusso di coscienza ed evocazioni degne di una messa nera. Nella sua opera “Palermo male” Profeta costruisce un romanzo che colpisce e annichilisce il lettore attraverso un layout fatto di glitch, collassi, sovrapposizione tra web, inconscio, videogame e rete thor. Attraverso uno stile tra Dante Virgili e l’Apocalisse di Giovanni, Solenoide di Cartarescu e Fuori piove sangue, ma senza la foga nevrotica del primo, senza i limiti del secondo. Scrivendo il metatesto, ergodico e celiniano della nostra deriva. Se un giorno dovessimo chiederci come Telegram, questo subconscio collettivo della nostra società, potrebbe scrivere un romanzo se fosse cresciuto e programmato in Sicilia, leggendo la Palermo Male(GOG EDIZIONI) di Vincenzo Profeta potremmo trovare la risposta.


Di recente lei ha recensito la lettura esoterica di True detective di Maculotti. Sarebbe possibile una
rilettura esoterica del suo ultimo romanzo, una Palermo Male svelata? E quanto è importante
l’esoterismo nella sua opera?


Si certo, infatti ho affidato la rilettura esoterica della Palermo male a Maculotti stesso…scherzo
ovviamente, ma credo gli sia piaciuta molto la mia recensione su intellettuale dissidente, e credo che
risponderà in qualche modo, io con l’esoterismo ho un rapporto mordi e fuggi, molto distratto, ovvero
cerco ciò che mi serve per le mie cose; per il resto, esoterismo oggi è una parola che oserei definire
violentata ed abusata, questa parola sta creando una nuova cultura pop, molti disinformatori stanno nella controinformazione per sabotarla, questo crea ed attira molta gente disadattata.


I personaggi del suo romanzo sono innovativi rispetto alle tipiche comparse dell’ultima letteratura. Sono veri, apocrifi e folli. Dove ha tratto l’ispirazione per essi? E a quali è più legato?


l’ho trovata in me e nella mia vita, e nel linguaggio di tutti i gironi, nei forum per complottisti etc, ho fatto un bel tritatutto, ero davvero stanco dei libri con le trame, o dei romanzi, so che va di moda dire che siamo stufi dei romanzi, ma io sono stufo delle trame, e della scrittura come intrattenimento sensato, a modo, e perfetto tipo catena di montaggio, usato come speculazione intellettuale di per se, come meccanismo per creare suspance o propaganda politica e ingegneria sociale. Vedi le serie netflix, e sono scritte da sceneggiatori con i contro cazzi, ma sono perfette e tutte e quasi uguali a mio avviso, di un patinato insopportabile, molte trame sono horror, distopiche o satanisteggiati, le trovo finte e posticce, io amo l’orrore che crea atmosfera, spazio , ambiente, aria, non personaggi fighi o eroici, per questo Lovecraft è un gigante, perchè in lui non contano molto i personaggi, ma l’atmosfera e la poesia. l’orrore scaturito dalla divinità demoniaca evocata, mi piace la letteratura di genere horror spazio-temporale, la poesia che ne sorge, la poesia è l’unica cosa che mi interessa e per cui vivo una vita artistica diciamo.

La religione è molto importante nella sua opera, si definisce uno scrittore religioso o spirituale o profetico(per scivolare nel basso enigmismo)? Quale è l’impatto della tradizione biblica e apocalittica nella sua opera?


Questa domanda è molto intelligente ti ringrazio di averla fatta, ho una formazione cristiana, ho un
rapporto di alti e bassi con la mia fede, sono stato molto anticattolico in passato, nei primi anni della mia vita, aderivo alle culture giovanili, poi ho scoperto che era tutto un condizionamento per allontanarti da dio, attualmente attraverso un periodo molto caotico, diciamo che sto cercando la mia fede, e sono molto discontinuo anche li, si perdono molte energie spirituali inconsapevolmente. La Palermo male è frutto di un studio sulla Apocalisse di Giovanni, molto complesso, è un ipertesto come la Bibbia ed ammicca alla kabala, mi sono avvalso della consulenza di almeno un paio di sensitivi per scriverlo, il libro rivela il nome dell’anticristo, se lo si legge bene, non so se ci ho beccato, dovesse essere cosi, bhe….

Walter Siti in un suo ultimo saggio parla della letteratura aumentata come probabile nuova tendenza letteraria. Il formato grafico della Palermo Male può appartenere a questa visione ? A chi si è ispirato?

Walter Siti ha ragione, ma la letteratura aumentata esiste da sempre, è una sorta di sottogenere nascosto, la bibbia oltre che un libro sacro molto complesso, è letteratura aumentata ad esempio, la Palermo male, lo è di certo, perchè vuole dare visioni e messaggi che vanno oltre il linguaggio scritto sulla pagina, certo non tutte le sensibilità possono cogliere certe cose, ma questo non è un genere che mi piacerebbe cavalcare per moda, se lo faccio è perchè sento di farlo. Il mio libro vuole comunicare con i ribelli di questa società, con le loro anima, vuole una poesia del No, cerca di organizzare una ribellione, una lotta di classe dei disgraziati, sta dialogando con un gruppo di sovversivi dell’anima, che ancora neanche si è costituito.

In molti episodi del romanzo si possono trovare riferimenti o almeno similitudini col background di un certo mondo accellerazionista, sicuramente più estetico che etico. Che legame ha con quel mondo e soprattutto con uno dei personaggi più controversi della Ccru, Nick Land?


l’io narrante di certo potrebbe essere un fanatico della nuova destra americana, ma non certo accellerazionista alla Nick Land, almeno lo è prima di una probabile conversione, il mio personaggio non è mai un positivista, il libro di Nick Land illuminismo oscuro, mi interessa per quello, perchè sembra associabile a certi miei personaggi, ed anche per come è scritto, è un manifesto molto potente, una propaganda ultra liberista molto convincente, scritta con molta sapienza letteraria, in molte cose sono d’accordo e mi affascina, ma se la soluzione è un transumanesimo liberticida ed eugenetico, non siamo molto lontani dalle soluzioni che propone certa sinistra socialisteggiante, io sono ancora umanista, e sono assolutamente certo che il transumanesimo, non è il futuro e non è la libertà, forse la bioetica sarà la libertà, ma neanche quello, sono un mediterraneo, e l’unica cosa che un po’ mi appartiene, anche se non nel senso turistico del termine, ma letterario.


Profeta, scrittore, ma anche artista, so che sta scrivendo un pamphlet sull’arte ce ne può parlare?


Si certo, non vedo l’ora di tornare a fare mostre anche solo per una questione di ego, adoro essere in
questa zona d’ombra, tra arte e letteratura, mi piace non essere inquadrabile, si scriverò un piccolo saggio sui graffiti, roba molto concentrata stavolta, la Palermo male dicono che sia lungo, ma era quello che ci voleva, in realtà è corto e molto cesellato, molte cose non le ho messe, ma il libro sui graffiti vi stupirà, è offensivo diciamo, ed è un metodo per non conformarsi alle mode, mi piacerebbe fosse letto nelle accademie e nelle scuole d’arte, vedremo che farà Gog, mi affido molto al loro modo di proporre le cose, con la Palermo male sono stati molto bravi, non sto leccando culi, ma sono i migliori!


Echaurren in un suo ultimo saggio dice che il “sonno dell’immaginazione genera mostre” e che l’artista contemporaneo ha smesso di fare opere per un mercato preferendo opere di mercato. Cosa ne pensa?

Penso che ha ragione, viviamo un periodo oscuro per le arti, siamo all’estinzione della forma artistica, in un mondo di tutti artisti l’arte è normale che svanisca, quella che si fa oggi non è più arte, ma una sorta di comunicazione pervertita, ma in un modo dove i social dominano, quanto ha senso tutto questo? Bisogna rassegnarsi esistono epoche dove l’arte sparisce e si nasconde, io con il laboratorio saccardi cerco di acchiapparla, ma serve per la mia vita, per quello che ho montato, per la mia maschera esistenziale che voglio sia coerente, perfetta ecco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...