Sabrina Pannizzo: Università e Green Pass

Carissimi Studenti e Carissime Studentesse, nelle ultime ore è giunta a tutti noi la mail del Rettore per fare chiarezza sulle modalità di esame nella sessione autunnale di settembre 2021. Nelle prossime ore arriverà anche la comunicazione definitiva per quanto riguarda la ripresa in presenza in Università, nel frattempo ragioniamo sulle conseguenze che avrebbe un rientro in presenza senza possibilità di caricamento delle lezioni sulla piattaforma online, che siano esse asincrone o sincrone. Negli ultimi tre semestri la motivazione principale della chiusura dei dipartimenti è stata dovuta al fatto che UniMoRe, essendo ricca di studenti fuorisede, per vari motivi collegati ai colori delle varie regioni (vi ricordate strega comanda colore?), abbia ritenuto senza dubbio più opportuno tenere tutti gli studenti a casa loro. Fin qui tutti d’accordo. O quasi. La situazione odierna pare essere cambiata, adesso ci sono i vaccini! Con i green pass, sembra che lo Stato abbia in pugno l’intera situazione: ma è davvero così? Dal 1 settembre il Green Pass diventa obbligatorio per scuole, pubblici e università, sebbene questi vaccini del momento non ci garantiscano la completa immunità (purtroppo) , è inoltre più o meno alta la probabilità che si crei un focolaio in meno di una settimana dall’ apertura, ripetendo così il circolo vizioso a cui ormai tutti noi studenti siamo abituati: chiusura e conseguente dad. “La soluzione allora potrebbe essere il tampone gratuito per tutti gli studenti ogni 48h” qualcuno potrebbe dire, ma anche qui siamo sicuri che il tampone azzererebbe il rischio di un focolaio? Il tampone non è altro che una “fotografia” di quel preciso istante, di conseguenza nulla vieta che il virus lo si abbia già preso ma solo poche ore prima oppure che lo si prenderà qualche ora dopo, falsando di conseguenza l’esito del test (negativo anziché la reale positività).In poche righe abbiamo cercato di riassumere la situazione attuale, che rende sempre più spaesati noi studenti che, anche da vaccinati o tamponati, possiamo comunque contrarre e far contrarre il virus. Non possiamo essere obbligati a frequentare l’università in presenza se non ci sentiamo al sicuro, né gli studenti fuorisede possono essere obbligati a frequentarla se per motivi dovuti a covid o economici non possono trovare un alloggio a Modena o a Reggio Emilia. Ogni studente è libero e tale deve rimanere, le tasse sono pagate per usufruire di un servizio presso un luogo sicuro, il quale nei casi appena descritti verrebbe a mancare poiché non sarebbero garantite, fino a nuova comunicazione, le lezioni online.Ci rendiamo conto che UniMoRe è una università tradizionale e che tiene alle sue tradizioni, ma dobbiamo far fronte a questa emergenza che è ancora, purtroppo, in atto.

Giovani Universitari UniMoRe

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...